Venerdì della settimana santa

Puoi leggere la presentazione completa della festività

Le pellegrina Eteria, nel suo diario di pellegrinaggio (fine IV secolo), racconta di una celebrazione di adorazione della croce che viene tenuta a Gerusalemme il venerdì santo. Tralasciamo da parte questo racconto per soffermarci sulla liturgia oggi celebrata nelle chiese ortodosse bizantine. Data la ricchezza dei contenuti teologici sviluppati nelle celebrazioni di questo primo giorno del triduo pasquale, ripercorriamo l’ufficiatura presentando il contenuto teologico dei testi.
Il venerdì inizia con a veglia notturna chiamata ufficio della santa e immacolata passione in cui vengono letti dodici vangeli che narrano il discorso di Gesù ai discepoli durante l’ultima cena e poi la passione, morte e sepoltura. Gli inni, i tropari e le antifone fanno da commento evidenziando il significato.

Vedi elenco delle festività nelle Chiese d'Oriente e d'Occidente