EDOCR: Opere di Culto e Religione

ENTE DIOCESANO   PER LE OPERE DI CULTO E DI RELIGIONE  EDOCR 

(dal regolamento della Curia  del 25 Marzo 2021)

326. L’Ente diocesano per le opere di culto e di religione (EDOCR) ha per scopo di provvedere: 

  • a)  all’insegnamento della religione cristiana, specialmente in forma di Catechismo e di predicazione in forma di Missioni; 
  • b)  alla formazione cristiana della gioventù; 
  • c)  alla celebrazione di sante Messe per i defunti; 
  • d)  alla provvista di arredi ed oggetti necessari al Culto Divino; 
  • e)  altre attività analoghe.

327. L’EDOCR provvede al conseguimento dei suoi fini con il proprio pa- trimonio, costituito da beni mobili ed immobili lasciati o donati per scopi di religione. 

328. L’EDOCR è retto da un Consiglio di amministrazione composto da cinque membri nominati dall’Arcivescovo, per la durata di anni cinque, rinnovabile alla scadenza. Fra i membri del Consiglio così nominati, l’Arcivescovo nominerà altresì il Presidente, che resterà anch’esso in cari- ca cinque anni. Sia il Presidente che i Consiglieri presteranno la loro opera in spirito di servizio, del tutto gratuitamente. 

329. La sezione ONLUS dell’EDOCR è denominata EDOCR ONLUS e svolge un’attività di utilità sociale nei seguenti settori: 

  • a)  assistenza sociale; 
  • b)  beneficenza; 
  • c)  formazione nei confronti di soggetti portatori di svantaggio e
    fragilità sociali; 
  • d)  tutela, promozione e valorizzazione delle cose d’interesse artistico
    e storico.

330. L’attività dell’ EDOCR ONLUS, conformemente allo statuto dell’EDOCR, consiste in interventi a favore di persone e comunità in stato di bisogno, in particolare con riferimento a situazioni caratterizzate da vulnerabilità sociale, rischio di esclusione sociale e emergenza anche col- legata ad eventi calamitosi. L’attività comprende anche iniziative di for- mazione nei confronti di soggetti portatori di svantaggio e in situazioni di 

142 fragilità, studio, ricerca e documentazione e la promozione di raccolte di offerte, erogazioni liberali e contributi. 

331. Contestualmente viene condotta anche un’attività consistente nella tutela del patrimonio archivistico, documentale e della memoria diocesa- na, anche tramite percorsi di divulgazione, didattica e ricerca. L’attività può essere svolta anche in collaborazione con altri enti e organismi pub- blici e privati, nazionali ed esteri, a seguito della stipula di apposite con- venzioni e/o altre tipologie di partenariato. 

332. Per quanto non riportato nel presente Regolamento si fa riferimento allo Statuto dell’EDOCR approvato il 24 ottobre 1992 e al Regolamento dell’EDOCR ONLUS approvato il 26 agosto 2019.